Il nucleo originario di Castel San Pietro è situato all’inizio della Valle di Muggio e si presenta come un grazioso paese che si affaccia sul Mendrisiotto. Dal 4 aprile 2004 si sono unite a Castel San Pietro le frazioni di Campora (scorporata dall’ex comune di Caneggio), Monte e Casima e ora la superficie del comune copre l’intera sponda destra della Valle di Muggio.

Castel San Pietro deve il suo nome al castello, oggi scomparso, che fu probabilmente eretto sulla collina antistante la frazione del Ponte fra il 1118 e il 1127. La posizione strategica della costruzione, che sorgeva sulla collina a strapiombo sul fiume Breggia, consentiva un controllo delle principali vie di transito. Nel 1343 appena fuori dalle mura del castello, fu costruita una chiesa: l’attuale Chiesa di San Pietro (Chiesa Rossa), iscritta nell’inventario svizzero dei beni culturali di importanza nazionale. Sulle pareti interne della Chiesa Rossa si possono ammirare dei preziosi affreschi.

Castel San Pietro dista pochi chilometri dai centri di Mendrisio e Chiasso, e la sua zona residenziale è formata, oltre che dai già citati nuclei di Campora, Monte e Casima, dalle frazioni di Corteglia, Gorla, Obino, Benascetta, Fontana, Loverciano e Ponte. Il nucleo più antico menzionato dai documenti scritti è la frazione di Obino. Sulla collina retrostante questa frazione è posta, in bella posizione panoramica, la Chiesa di S. Antonino. Pure questo edificio è inserito nell’inventario svizzero dei beni culturali di importanza nazionale. La Chiesa parrocchiale di S.Eusebio e la Villa già Conti Turconi di Loverciano sono pure edifici importanti dal punto di vista culturale. Da segnalare l’organo Serassi (anno 1771) della Chiesa parrocchiale ritenuto dagli esperti lo strumento di questo genere di maggior pregio della Svizzera italiana.

Il territorio, che si estende su 1’183 ettari che vanno dai 276 m.s.m del Parco sul fiume Breggia ai 1615 m.s.m. del Monte Generoso, è prevalentemente immerso nel verde, con boschi che permettono salutari attività di svago e zone agricole, per la maggioranza vigneti e prati che caratterizzano la sua conformazione territoriale particolare. Prima della nascita del Canton Ticino le nostre terre erano parte delle terre lombarde, e ne hanno ereditato la cultura. Benché Castel San Pietro sia un comune dalle origini rurali, i suoi cittadini si sono distinti per un’emigrazione di qualità nell’arte muraria, che enumera famosi architetti, capimastri, stuccatori decoratori e pittori. Castel San Pietro è il maggior comune viticolo del Cantone Ticino. Il Comune ha voluto sottolineare questa caratteristica impiantando il vigneto comunale.

La frazione di Casima, sulla sponda destra della valle di Muggio, nel XVI secolo faceva parte della comunità di Cabbio (ora comune di Braggia). Come punto di riferimento la frazione ha l'antica chiesa dedicata a San Carlo, che malgrado le poche notizie locali è menzionata per la prima volta in un documento del 1619.

La frazione di Monte è collocata su un promontorio ben soleggiato ed è disposto in direzione est-ovest e nord-sud, sulla destra del Breggia. Nel XIV secolo, Monte era frazione di Bruzella abitato da alpigiani.

Ancora oggi in tutta la valle sussistono i collegamenti pedonali trasversali tra la sponda destra e quella sinistra, con pittoreschi ponticelli sul fiume Breggia.

Dal punto di vista naturalistico, geologico e dello svago, segnaliamo come le estremità inferiore e superiore del territorio di Castel San Pietro siano comprese in due importanti aree verdi istituite dal Cantone.

Il parco delle Gole della Breggia, primo Geoparco della Svizzera (istituito nel 2001) che comprende pure il Percorso del Cemento inaugurato nel 2012.

Il  comprensorio del Monte Generoso area privilegiata per lo svago dalla quale si gode un panorama incantevole sulla regione dei Laghi (di Lugano, di Como, di Varese e Maggiore), sulla città di Lugano, la pianura Padana con Milano e dagli Appennini fino alla catena Alpina.

Immagini Aeree

Mostra 100 anni del Ponte di Castello

Calchèra di Castel San Pietro

..

© castelsanpietro.ch – credits     |     Ultimo aggiornamento della pagina: 23.09.2014     |     Visualizzazione: RegolareStampa

..